CASERTA. Incontro al Comune con una delegazione del Comitato 'Caserta Antifascista. "Presto una delibera: sarà concesso il suolo pubblico solo alle realtà che rispetteranno i valori antifascisti della Costituzione"






Articolo pubblicato il: 21/02/2018 19:02

Questo il comunicato giunto in redazione. 

"Nel pomeriggio di oggi il sindaco di Caserta, Carlo Marino, e il presidente del Consiglio Comunale, Michele De Florio, hanno incontrato una delegazione del Coordinamento “Caserta Antifascista”, composta dalla segretaria provinciale della Cgil, Camilla Bernabei, dal segretario provinciale della Cisl, Giovanni Letizia, dal rappresentante dell’Anpi, Agostino Morgillo, da Angelo Ferrillo dell’Arci Caserta e da esponenti di Libera e del Laboratorio Sociale “Millepiani”. Presente anche Emanuela Borrelli, responsabile Politiche Sociali della Cgil.

La delegazione - si legge nel comunicato -  ha consegnato al sindaco e al presidente dell’Assise cittadina una nota con la quale è stata avanzata una proposta di delibera da adottare in occasione di uno dei prossimi Consigli Comunali in programma. In questo documento si chiede di approvare un provvedimento con il quale ci si impegna a “non concedere spazi o suoli pubblici a coloro i quali non garantiscano di rispettare i valori sanciti dalla Costituzione, professando e/o praticando comportamenti fascisti, razzisti, omofobi, transfobici e sessisti; a promuovere iniziative culturali – prosegue la nota – affinché sia mantenuta la memoria storica e sia posto all’attenzione, soprattutto delle giovani generazioni, l’affacciarsi di nuovi fascismi che mettono in discussione i principi democratici e di pacifica convivenza; a dare mandato, inoltre, di adeguare i regolamenti comunali a quanto espresso all’atto di indirizzo, subordinando la concessione di suolo pubblico, spazi e sale di proprietà del Comune a dichiarazione esplicita di rispetto dei valori antifascisti sanciti dall’ordinamento repubblicano”.

Il sindaco Marino e il presidente De Florio hanno accolto con grande favore e convinzione la proposta, manifestando la volontà di portarla quanto prima all’attenzione del Consiglio Comunale per la successiva approvazione.

Il Coordinamento “Caserta Antifascista” è composto - conclude la nota -  dalle seguenti associazioni: Acli, Anolf, Arci, Arciragazzi, Anpi, Associazione Campo dei Fiori, Caritas Aversa, Caritas Migrantes Capua, Centro Fernandes, Cgil, Cidis, Cisl, Comitato don Peppe Diana, Comitato per Villa Giaquinto, Cooperativa Apeiron, Generazione Libera, Generazione Migrante, Fish, Laboratorio Sociale Millepiani, Le Piazze del Sapere, Libera, Associazione Melagrana, Nero e non Solo!, Rain Arcigay, Scira Movimento degli Studenti, Uil, Usb."