SAN GIORGIO A CREMANO. ZONA 30: automobilisti obbligati a rispettare limite di velocità di 30 km orari






Articolo pubblicato il: 12/10/2017 17:02

Lo apprendiamo dalla pagina Facebook del sindaco di San Giorgio a Cremano Giorgio Zinno:

"Abbiamo approvato - scrive il sindaco - l'atto che istituisce a San Giorgio a Cremano "ZONA 30", un provvedimento con il quale gli automobilisti sono obbligati a rispettare il limite di velocità di 30 km orari, in particolari aree del territorio cittadino dove sorgono scuole, parchi pubblici, luoghi di culto, strutture di interesse storico, negozi e uffici.

Obiettivo - aggiunge - è quello di garantire maggiore sicurezza per adulti bambini e anziani che percorrono le strade a piedi e ridurre anche il rischio di sinistri.
Sono state già individuate 8 zone, in cui verrà progressivamente apposta la segnaletica, mentre nei prossimi due anni completeremo con interventi che comprendono passaggi pedonali rialzati, transenne parapedonali e altri dispositivi che rallentano la circolazione.

· ZONA 1 "FORMISANO" : comprendente le aree di circolazione v. Togliatti - v.le Formisano;
· ZONA 2 "LA CITTADELLA DELLA SCUOLA": comprendente le aree di circolazione v. Buongiovanni - v. S. Rosa - v. S. D'Acquisto - v. R. Galdieri - v. Foscolo - v. Carducci;
· ZONA 3 "MANZONI" : comprendente l'area di circolazione di v. Manzoni (tratto da v. San Michele a p.zza G. Bruno);
· ZONA 4 "BRODOLINI e A. MORO" : comprendente le aree di circolazione v. S.Anna - piazza Padre Pio da Pietrelcina - v. Brodolini - v. Gianturco - v. S. Giorgio Vecchio - v. A. Moro;
· ZONA 5 "NOSCHESE / S. MARTINO" : comprendente le aree di circolazione v. Noschese - v. S. Martino - v.le Regina dei Gigli - v. Marconi;
· ZONA 6 " I CORSI" : comprendente le aree di circolazione c.so Umberto I - p.V. Emanuele - c.so Roma;
· ZONA 7 " CAVALLI DI BRONZO" : comprendente l'area di circolazione v. Cavalli di Bronzo;
· ZONA 8 "PESSINA / GALANTE" : comprendente le aree di circolazione v. B. Buozzi - v. Pessina - v. Galante;

Dobbiamo comprendere - conclude - tutti che le strade della nostra città non sono lo spazio esclusivo dell’automobilista che ha fretta, ma sono progettate per il bambino e l’anziano che hanno il diritto di passeggiare e giocare in sicurezza.
Iniziamo ora per diventare una città a pedonalità privilegiata".





Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.