SCATENI/Ma che BEL PAESE


Articolo pubblicato il: 30/03/2020 15:20:46

Star dietro alla marea benefica della solidarietà è un’impresa, nell’impresa generale del racconto ‘Pandemia da Covid-19’. Tanti sono gli episodi di solidarietà collettiva e individuale. Donazioni alla protezione civile, agli ospedali, alle regioni più colpite dall’epidemia, giganti dell’economia mondiale con somme multimilionarie, eroica dedizione alla professione di medici e infermieri, di volontari, enti di assistenza, gestori di negozi e supermercati, trasportatori, farmacisti, aziende di produzione dei beni essenziali: un esercito di uomini e donne che antepongono l’altruismo alla tutela della propria incolumità. Raccontarli? La loro abnegazione, a virus sconfitto, meriterà ben altri riconoscimenti.
 
E comunque: biglietto con l’augurio ‘Andrà tutto bene’ per gli inquilini di un palazzo romano. Nella cassetta della posta hanno trovato tre mascherine, lasciate da una giovane coinquilina cinese.  Identico dono in altri edifici e quartieri con la scritta ‘Forza Italia, forza Cina’.
 
Frutta e verdura gratis da ..., fruttivendolo egiziano di ..., provincia di Bergamo. “È Il mio modo di dire ti voglio bene Italia”. Invito ai clienti di prendere quello di cui hanno bisogno senza pagare e il cartello “10 anni fà mi avete accolto. Ora voglio dirvi grazie. Andrà tutto bene”.
 
In una salumeria di Caserta uno spazio è riservato a prodotti alimentari acquistati da clienti e lasciati per chi non può permettersi di fare a spesa. Anche in altri negozi esteso ai prodotti alimentari il rito napoletano del caffè o della pizza pagati.  
 
“Sono Michele, del terzo piano. Se volete vado a farvi la spesa”. È il  messaggio di un giovane ai condomini con più di 70 anni o malati. “Se in questo periodo preferite stare a casa offro la mia disponibilità a farvi la spesa, a titolo gratuito”.
 
Video di bambini dello Zambia: “L’Italia è una nazione fortissima che ha superato tantissimi ostacoli nella storia, ce la farà anche questa volta”. Ad Aleppo, città martire siriana, i bambini cristiani pregano per i loro coetanei in Italia. Le gemelline siamesi separate con un intervento eccezionale dell’ospedale del Bambino Gesù, dalla casa in Algeria hanno inviato ai medici e ai bambini ricoverati il disegno dell’arcobaleno e la scritta “Andrà tutto bene”. Da ..., 6 anni, tornato a respirare in autonomia grazie all'impianto di un bronco realizzato con la stampante 3D, un  messaggio che dà coraggio e speranza ai bambini e ai loro genitori.
 
Stilisti, personaggi dello spettacolo, prestigiosi atleti, calciatori e non solo, giganti dell’industria come la Fca degli Agnelli, imprese che riciclano la produzione per fabbricare presidi sanitari, medici e infermieri che rispondono alla richiesta di coprire le esigenze crescenti di assistenza ospedaliera, medici di famiglia, lavoratori di servizi fondamentali: ecco la splendida umanità  di una magnifica Italia.    
 
E la gara degli italiani che rispondono con generosità all’appello che i media trasmettono senza sosta per donare alla Protezione civile, l’affetto del mondo che illumina i suoi monumenti con il tricolore, le spedizioni sanitarie di Cina, Russia, Cuba (Paese che certo non naviga nell’oro, ma che può contare su un sistema sanitaria di primissimo ordine.  
 
LUCIANO SCATENI