Tora e Piccilli. "Carabinieri forestale sorprendono trasporto di un cinghiale oggetto di bracconaggio"






Articolo pubblicato il: 05/12/2019 16:53:17
Ultimo aggiornamento articolo: 05/12/2019 16:53:17

Questa parte della nota del Comando Provinciale dei Carabinieri di Caserta:

"TORA E PICCILLI (CE): CARABINIERI FORESTALE DI ROCCAMONFINA SORPRENDONO TRASPORTO DI UN CINGHIALE OGGETTO DI BRACCONAGGIO...

Militari appartenenti alla Stazione Carabinieri Forestale di Roccamonfina (CE), a seguito di una segnalazione di attività venatoria in corso (caccia al cinghiale in battuta), ... del comune di Tora e Piccilli (CE), attivavano immediatamente un servizio di controllo delle autovetture in transito nella zona. -Si legge nella nota- Nel corso del servizio di osservazione e controllo ... del comune di Tora e Piccilli (in area protetta ...), fermavano due autoveicoli che viaggiavano pressoché accodati in direzione dell’abitato di Roccamonfina. All’interno del bagagliaio di una delle due autovetture i militari scorgevano, guardando dal lunotto posteriore, un esemplare di cinghiale (Sus scrofa) abbattuto, del peso di circa 100 kg, il cui decesso era avvenuto da poche ore e che risultava attinto da colpi da arma da fuoco. Tutte le persone sottoposte a controllo risultavano equipaggiate con abiti mimetici e stivaloni verdi. -Si legge nella nota- Gli accertamenti permettevano di stabilire l’illecito abbattimento dell’esemplare in quanto le persone sottoposte a controllo, seppur prive di armi da caccia, non erano in grado di dimostrare la legittima provenienza dell’animale morto. Carcassa di cinghiale che veniva immediatamente sottoposta a sequestro giudiziario e le due persone che erano a bordo dell’autovettura con la quale si stava effettuando il trasporto della stessa venivano deferiti in stato di libertà per esercizio di caccia illecita ... -Si legge nella nota- Inoltre, all’atto del controllo le due autovetture risultavano entrambe prive dell’assicurazione obbligatoria a copertura della responsabilità civile verso terzi, nonché una di esse era peraltro sprovvista della revisione, per cui venivano sottoposte a sequestro amministrativo. La carcassa del cinghiale veniva poi conferita a ditta autorizzata per avviarla a smaltimento."